Agosto

In un battito di ciglia, agosto è scivolato via…”sospeso” tra l’indaffaratissimo luglio e il sonnacchioso settembre, rimane per me il mese delle riflessioni, delle grandi decisioni.

Andar via, anche se non troppo lontano: un po’ più in là, tanto quanto basta per guardare la propria vita dal di fuori, da un diverso punto di vista. Tra una valigia e l’altra, tra le lenzuola di un letto che non è il tuo, in macchina, guardando l’alba dopo una serata in disco, nel silenzio di una spiaggia sconosciuta o nella metro di una grande città: riassaporo gli aspetti migliori della mia quotidianità, le conquiste e i momenti belli di quest’anno – da universitaria, il mio anno è scandito inesorabilmente da scadenze accademiche – i cambiamenti, i dispiaceri…

Questo “distacco” rende tutto più chiaro: quello che va e quello che non va, le cose da fare per cambiare ciò che non va, l’importanza di conservare quello che va; faccio progetti, mi pongo obbiettivi….variabile fondamentale è il tempo, da sfruttare al meglio, da non sprecare.

Poi arriva il momento di tornare a casa, la chiarezza svanisce con l’affiorare dei contorni della mia realtà: il ritorno sembra risvegliare i dispiaceri sopiti, confondere i miei ben definiti progetti. Malinconia, confusione…….è un momento, forse qualche giorno. La transizione inevitabile che precede un nuovo inizio……Eccitazione, infine. Sta arrivando settembre, si ricomincia. Qualcosa di nuovo – ancora cosa non so – anche forse solo l’anno – sta per cominciare!!

Buon anno a tutti

 

Pubblicato in Pensieri Notturni | Lascia un commento

A volte ritornano…!

Dopo due anni di silenzio, riscopro la voglia di scrivere: la mia incapacità di esprimermi sta diventando preoccupante!!
Sento la necessità di tirar fuori, riordinare e bloccare il flusso esuberante dei miei pensieri, quella caotica matassa di idee – ahimè, poche, e ben ingarbugliate – che ho nella testa, che talvolta rende confuse le mie parole e balbuzienti i miei discorsi!
Seguo dunque il suggerimento di un’amica, che scrive su un blog da un po’ di anni, e che si distingue per la bontà dei suoi consigli – grazie lùùù ❤

Nulla garantisco sulla durata dell’esperimento, nè sulla sua “qualità”……ma l’idea di “bloccare un flusso” – di pensieri, s’intende – come se fosse un’istantanea della mia mente – mi diverte molto!
Chissà riesca, in questo periodo di transizione, a trovare nelle mie stesse parole, o in quelle – ancora meglio – di qualcuno che le legge, le risposte che cerco.

 “Thoughts are like traces of birds in heaven”

East Side Gallery, Berlino, 24/08/2011

Pubblicato in Pensieri Notturni, Senza categoria | Lascia un commento

No country for old men

 

Carla Jean: Llewelyn!
Llewelyn: Sì.
Carla Jean: Che cosa stai facendo, amore?
Llewelyn: Sto uscendo.
Carla Jean: Dove vai?
Llewelyn: Mi sono dimenticato di fare una cosa, ma torno presto.
Carla Jean: Che cosa devi fare?
Llewelyn: Sto per fare una cazzata, ma lo farò lo stesso. Se non torno dì a mia madre che le voglio bene.
Carla Jean: Tua madre è morta, Llewelyn.
Llewelyn: Allora glielo dirò io. 

 

Sceriffo di El Paso: Sempre per i maledetti soldi. Per i soldi, e la droga. Va al di là di ogni immaginazione, cazzo. Che senso ha? Dove andremo a finire? Se vent’anni fa mi avessi detto che un giorno nelle nostre cittadine del Texas ci sarebbero stati ragazzini coi capelli verdi e un osso infilato nel naso non ti avrei creduto.
Sceriffo Bell: Cose dell’altro mondo, penso che quando non si dice più «grazie» e «per favore» la fine è vicina.

 

Anton Chigurh: Scegli. Testa o croce?
Carla Jean: Ma lo capisci che non è la moneta a decidere? Che sei tu a decidere?
Anton Chigurh: Io e la moneta siamo arrivati allo stesso punto.


Pubblicato in Intrattenimento | 1 commento

…notturno…


 
 
 
…sovente in queste rive,
(…)
seggo la notte; e sulla mesta landa
in purissimo azzurro
veggo dall’alto fiammeggiar le stelle,
cui di lontan fa specchio
il mare, e tutto di scintille in giro
per lo vòto Seren brillar il mondo
.

e poi che gli occhi a quelle luci appunto,
ch’a lor sembrano un punto,
e sono immense, in guisa
che un punto a petto a lor son terra e mare
veracemente; a cui
l’uomo non pur, ma questo
globo ove l’uomo è nulla,
sconosciuto è del tutto; e quando miro
quegli ancor più senz’alcun fin remoti
nodi quasi di stelle,
ch’a noi paion qual nebbia, a cui non l’uomo
e non la terra sol, ma tutte in uno,
del numero infinite e della mole,
con l’aureo sole insiem, le nostre stelle
o sono ignote, o così paion come
essi alla terra, un punto
di luce nebulosa…
(G.Leopardi)
Pubblicato in PericolosiPensieriNotturni | Lascia un commento

…..anche se un po’ in ritardo…

.………………………………………………………  A ……………………………………
……………………………………….………………. chi …………………
………………….…………………………………… ama …………………………………………………
…………………………………………………  …. dormire …………
………… ……………………………………… ma si sveglia ………………………………
……………………………………………. sempre di buon …………
………………………………… umore   a chi saluta ………………………………
………………………………………ancora con un bacio  a ……………
…………………………  chi lavora molto e si diverte di ……………………
……………………………più  a chi va in fretta in auto ma ……
………… ……………. non suona ai semafori  a chi arriva …………………
……………………in ritardo ma non cerca scuse  a chi spegne ……
…………………… la televisione per fare due chiacchiere  a chi è ………
……………felice il doppio quando fa metà  a chi si alza presto ………
…………per aiutare un amico  a chi ha l’entusiasmo di un bambino ……
………e pensieri da uomo  a chi vede nero solo quando è buio
………………………………………… A chi non aspetta Natale ……………………
……………………………………………………. per essere ………………………………………
………………………………………………………. Migliore ……………………
…………………………………………………………………
………………………………………… Buon Natale ……………
…………………………………………………………………

Pubblicato in Auguri | Lascia un commento

notti insonni

 
"…credo che in quell’anno non dormissi mai.Ma avevo un amico che dormiva ancora meno di me, e certe mattine lo si vedeva già passeggiare davanti alla stazione nel’ora che arrivavano e partivano i primi treni. l’avevamo lasciato a notte alta, sul portone, aveva fatto un altro giro, e visto l’alba addirittura, bevuto il caffè. Nemmeno lui ricordava i discorsi della notte.
Qualcuno degli altri, che ci trottava dietro, non capiva che cosa facessimo ad una certa ora, finito il cinema, finite le risorse, i locali, i discorsi…si sedeva con noi sulle panchine, ci ascoltava brontolare o sghignazzare, si infiammava all’idea di aspettare l’aurora sulle colline, poi ad un nostro cambiamento di umore tentennava e trovava il coraggio di tornarsene a casa. l’indomani costui si chiedeva:"cosa avete poi fatto?? " Non era facile rispondergli. Avevamo ascoltato un ubriaco, guardato attaccare i manifesti, fatto il giro dell strade deserte…"
(Cesare Pavese, La bella estate)
 
 
Per tutti quelli che restano a chiacchierare  fino all’alba, quelli per cui è sempre troppo presto per ritirarsi.
quelli a cui basta un tavolino e un paio di amici per far mattino.
per quelli che si perdono nei dirscorsi,nei pensieri, nelle risate, e si scordano del tempo.
per quelli che, per debolezza o prepotenza, si rifugiano tra le luci artificiali delle strade,
quando padroni della città sono gli ubriachi, gli insonni, i giovani e gli amanti.
per quelli che "l’importante è stare insieme",e per quelli che non capiscono perchè proprio di notte,
 ma, alla fine, sono gli ultimi ad andare a dormire.
 
 
..vorrei che queste notti d’estate non finissero mai,
vorrei addormentarmi ogni giorno guardando l’alba,
tra il rumore del mare e le risate degli amici…
 
grazie x qst bei momenti!!
 
 
 

Pubblicato in PericolosiPensieriNotturni | 2 commenti

…non è tempo per noi….

Ci han concesso solo una vita:
soddisfatti o no qua non rimborsano mai
e calendari a chiederci se
stiamo prendendo abbastanza, abbastanza
se per ogni sbaglio avessi mille lire
che vecchiaia che passerei
Strade troppo strette e diritte
per chi vuol cambiar rotta oppure sdraiarsi un po’

che andare va bene, pero’ a volte serve un motivo un motivo
certi giorni ci chiediamo : "E’ tutto qui?"
e la risposta e’ sempre si’!
Non e’ tempo per noi
che non ci svegliamo mai
abbiam sogni pero’ troppo grandi e belli sai
belli o brutti abbiam facce
che pero’ non cambian mai
non e’ tempo per noi e forse non lo sara’ mai

Se un bel giorno passi di qua
lasciati amare e poi scordati presto di me

che quel tempo e’ gia’ buono per amare
qualchedun’altro, qualche altro
dicono che noi ci stiamo buttando via
ma siam bravi a raccoglierci

Non e’ tempo per noi
che non ci adeguiamo mai
fuori moda, fuori posto
insomma sempre fuori, dai
abbiam donne pazienti, rassegnate ai nostri guai
non e’ tempo per noi
e forse non lo sara’ mai
 
Non e’ tempo per noi

che non vestiamo come voi
non ridiamo, non piangiamo, non amiamo come voi

forse ingenui o testardi
poco furbi, casomai
non e’ tempo per noi
e forse non lo sara’ mai.
 
 
 
 
ci sarebbero tante cose da dire.
ma,cm al solito, pensieri, sentimenti, emozioni
 mi si dissolvono sulla tastiera.
 vorrei parlarti ma, lo ammetto, nn ne sono capace.
vorrei essere un po’ meno ingenua
 
 
Pubblicato in Senza categoria | 6 commenti